la rondine logo

Indirizzo: Via di Liso 30, 55017 Lammari, Capannori (LU)
Telefono: +39 0583 436008
Responsabile: Loretta Bertini

  • Presidio Sanitario D1.3.A Residenza Psichiatrica Terapeutico – Riabilitativa accreditata dalla Regione Toscana.
  • Comunita terapeutico riabilitativa per minori affetti da patologia psichiatrica

METODOLOGIA

Mira al rafforzamento delle autonomie personali e al miglioramento della qualità della vita dei pazienti e delle loro famiglie. Integra un costante sostegno sanitario e psicologico con attività formative, sportive, artistiche e di socializzazione.

La Comunità La Rondine predispone un iter terapeutico – riabilitativo che contrasta e cura l’insorgenza di disturbi psichici manifestati in età adolescenziale: disturbi della condotta, discontrollo degli impulsi, disturbi di personalità, quadri psichiatrici ad impronta psicotica, disturbi dell’umore.

La Comunità La Rondine propone un approccio di tipo multidisciplinare in quanto integra interventi di tipo sanitario ad interventi di natura psico socio educativo. L’obiettivo finale è infatti il benessere globale della persona quale stato emotivo, mentale, fisico, sociale e spirituale che consente di raggiungere e mantenere il proprio potenziale personale nella società.

Le nostre attività di riabilitazione psichiatrica per minori prevedono quotidianamente possibilità di gioco, ricreazione, studio e sport in ambienti adeguati: ping-pong, biliardino, TV con consolle e lettore DVD, giardino esterno, piscina estiva, postazione Internet fanno parte del nostro piano riabilitativo, senza trascurare l’attività scolastica e formativa.

La struttura è posta nelle immediate vicinanze di attività commerciali e di strutture di pubblica utilità. È dotata di ampie superfici interne e di area verde esterna, consentendo di organizzare internamente molte attività riabilitative, formative ed educative.

Nei percorsi di riabilitazione della Comunità di psichiatria La Rondine, grande rilievo è dato alla figura genitoriale, la quale riceve costante supporto e informazioni capaci di aiutare a prendersi cura del figlio durante la degenza.

Favoriamo, laddove possibile e non controindicato per la salute del minore, la frequenza dei pazienti con i familiari e/o con le loro figure di riferimento.