via di Liso 30, 55013 Lammari, Capannori (LU)
+39 0583 436008
Responsabile: Loretta Bertini

Presidio Sanitario D1.3.A Residenza Psichiatrica Terapeutico – Riabilitativa accreditata dalla Regione Toscana.

CERTIFICATO DI QUALITÀ

Comunità terapeutico riabilitativa per minori affetti da patologia psichiatrica.

La struttura

 

La struttura sanitaria residenziale per minori La Rondine è situata a Lammari, in provincia di Lucca, e può ospitare fino a nove pazienti di ambo i sessi, di età compresa tra i 14 e i 18 anni affetti da patologie psichiatriche.

 

Gli obbiettivi

 

Operiamo guidati dalla volontà di dare una risposta tempestiva e coerente ai bisogni specifici espressi dai servizi di neuropsichiatria infantile del territorio regionale e del Tribunale dei Minorenni di Firenze, attraverso la pianificazione condivisa.

 

I principi

 

Operiamo secondo un approccio multidisciplinare, integrando interventi di tipo sanitario a interventi di natura psico-socio educativa con l’obiettivo di favorire il processo di reinserimento socio–relazionale grazie a progetti individualizzati, studiati sulla base delle caratteriste dei singoli ospiti valorizzandone le potenzialità e risorse.

 

Staff

 

L’equipe multidisciplinare di riabilitazione psichiatrica per minori, composta da neuropsichiatri, psicologi-psicoterapeuti, assistenti sociali, collabora in stretta sinergia con il Coordinatore della Struttura e gli Operatori per predisporre progetti individuali di cura e riabilitazione.

Dott. Sergio Cecchini: direttore sanitario
Sig.ra Loretta Bertini: coordinatrice

  • uno psicologo
  • un assistente sociale
  • un referente di servizi logistici di comunità
  • un’ausiliaria addetta alla gestione dei servizi alberghieri
  • tre infermieri professionali
  • indici educatori professionali
  • tre ASA
  • due OSS

comunità

Servizi

 

Operiamo nell’ambito della neuropsichiatria infantile guidati dalla volontà di dare una risposta tempestiva e coerente ai bisogni specifici espressi dai servizi di neuropsichiatria infantile del territorio regionale e del Tribunale dei Minorenni di Firenze. Programmi d’intervento multidisciplinare di medio lungo periodo, integrando azioni di tipo sanitario con interventi psicologici, socio educativi, assistenziali e riabilitativi con lo scopo di perseguire il re–inserimento sociale del paziente.

Sviluppo

 

Puntiamo allo sviluppo di una proficua rete di collaborazioni operative tra Enti e Istituzioni, operanti in ambito socio sanitario assistenziale. Essa è finalizzata a garantire una progettualità sempre più integrata. Ottimizza e qualifica gli interventi a beneficio dei nostri ospiti, delle famiglie e degli enti coinvolti.

 

Richiesta ingresso alla Rondine

 

Per contattare La Rondine:
tel. 0583 436008
email: l.bertini@ilbiancospino.info.

Procedura di ingresso

 

Gli utenti vengono inseriti nella struttura residenziale per minori a seguito di una proposta di inserimento proveniente dagli Enti Invianti (Azienda Sanitaria Locale in condivisione con il Servizio sociale, Istituti di Ricovero e Cura a Carattere scientifico, Tribunale dei Minorenni), attraverso una relazione anamnestica della situazione psicopatologica e sociale del soggetto e del suo ambiente.
La struttura adotta dei criteri di esclusione finalizzati ad una maggiore specificità di intervento che prevedono la non presa in carico delle seguenti patologie: autismo, disturbi del comportamento alimentare, dipendenze da sostanze, disturbi di personalità antisociali.
L’équipe della Struttura valuta la domanda di ammissione secondo alcuni parametri quali:

Necessità oggettiva da parte degli enti inviati (decreti di allontanamento dal nucleo famigliare; fase acuta della patologia etc…).
Disponibilità della struttura ad accogliere numericamente nuove persone.
Compatibilità della psicopatologia e delle caratteristiche comportamentali del nuovo ingresso con gli ospiti già inseriti.

In caso di sussistenza di tali parametri, la nostra Equipe procede ad un colloquio di conoscenza e di valutazione con l’Ente Inviante, ad un colloquio conoscitivo con la persona e, dove possibile, con la sua famiglia d’origine. La persona ritenuta ammissibile, in mancanza di disponibilità immediata di posto, viene inserita in lista d’attesa.

 

“in vino veritas” dicevano gli antichi romani… “in buco veritas” per noi.
Scalda la serata con un gesto magico e sorprendi i tuoi ospiti!

 

Esplora Magic Wine ➝